Granny e capitalismo (Precario)

La nonna di Roddo è morta.
Niente più oro, dice lui, la sorella di mamma dice che manca quasi tutto.
Ma non ho mica venduto tutto, dice Roddo. Mannaggiaddio, aggiunge per dare enfasi.

Triste giorno per un uomo quando perde la sua principale fonte di reddito.
Ha messo al lato un bel po’ delle sue cose, poggiate con cura sul letto e fotografate accuratamente.
Videogiochi, bella roba come Blade Runner dei Westwood Studios, edizione italiana in scatola di cartone. Grandi i Westwood Studios, prima che la fottuta EA li prosciugasse ne avevano fatto di roba buona razza di stronzi, dice Roddo. Prezzo: sessanta carte trattabili.
Planescape Torment edizione italiana cartonata, questo non lo do via per meno di settanta pezzi cristodiddio dove lo ritrovo più.
Newerwinter Nights edizione italiana, scatola di cartone. Venti euro sono pure troppi per ‘sta merda.
Ultimo è Icewind Dale, il primo. Quaranta euro. Nessun commento in particolare qui.

C’è anche uno Zippo originale, ci tiene a specificare, quaranta carte ma è da ricaricare.
Libri ? Chi cazzo li compra più i libri, decreta Roddo. Avrà di certo un senso, meglio annuire.
Fumetti, un’intera collana di Tutto Tex, ancora prezzati in lire!, specifica nell’inserzione. Offerta libera, così sono più invogliati a comprare, dice con fare capitalistico.

DVD. Dopo aver riflettuto conclude che nessuno comprerebbe dei Verbatim.
Stessa cosa con gli album degli Scissor Sisters.

Carte da poker Jack Daniel’s, sedici euro. Perché si.

Quando non ha più nulla da vendere siede sul letto, guarda la sua roba e decreta che meno di duecento euro non li farà. La gente compra di tutto, figurati bella roba come quella.

Due settimane dopo, prezzi dimezzati ovunque.
Offerte una sola: venti euro per la colla di Tutto Tex. Venti euro stocazzo, risponde testualmente all’email di paoletto_ferraro. Sarà uno stronzo di cinquanta anni che se lo mena ancora in mano, dice schifato Roddo come se essere uno stronzo cinquantenne che se lo mena ancora in mano fosse il peggiore dei crimini.
In più usa Tiscali. Ci tiene ad aggiungere.

Speranzoso medita un ulteriore taglio dei prezzi, dovrà pensarci bene.
Intanto mi informa che ha una nuova fissa, il granny. Sarebbe interessante studiare come mai l’interesse sia cresciuto in concomitanza con la morte della nonna ma forse meglio che no.
Mi mostra tre video, pessimi e come al solito ride per tutto il tempo.
In uno c’è una tardona con la peluria che arriva all’ombelico e sotto una roba che sembra il Canale di Suez che quasi mi immagino di vedere le navi britanniche impegnate a controllare la rotta delle Indie.

E un chiaro segno che devo tornare a casa.
Saluto Roddo e lo lascio alle granny e al capitalismo.

Slon

Be Sociable, Share!

2 thoughts on “Granny e capitalismo (Precario)

  1. Squarci di realtà prima, di iperrealtà dopo. Inquieta.

    (E per inciso diciamocela tutta, si poteva scrivere delle Scissor Sister e forse si sarebbe stati altrettanto vicini alla realtà).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.