What happened to you, Michael Collins?

Il contatto radio è cessato e adesso sono davvero solo. Il modulo di comando è angusto e scomodo, ma oramai è come casa mia. E ora sono a casa da solo.
Il LEM è sceso e ora quei due se ne vanno a spasso sulla Luna, e io non potrò mai farlo. Pazienza. Ma non ho molti rimpianti; forse in pochi si ricorderanno di me, ma ho fatto il mio dovere e ne sono onorato. La faccia oscura della luna mi guarda da sotto il modulo. Il mio modulo. La mia luna. Siamo in pochi ad aver visto di persona questo segreto del cosmo. Ricordo di qualche burlone che diceva che i nazisti ci hanno costruito una base. Sorrido tra me all’idea di orde di Schutzstaffel nascoste fra quei crateri. Non sembrano granchè ospitali.
Quarantotto minuti sono lunghi qui. Abbastanza per essere assaliti dall’ansia. Chissà come stanno Neil ed Edwin, chissà cosa stanno pensando a terra. Devo ammettere di avere paura. Tra poco i contatti radio saranno ripristinati, risentirò i ragazzi del controllo a terra e tirerò un sospiro di sollievo.
Eppure credo che mi mancheranno, questi momenti di estremo silenzio che non rivivrò mai più. Questi attimi nei quali mai, dai tempi di Adamo, un uomo ha vissuto una così intensa solitudine.

Opossum

Be Sociable, Share!

One thought on “What happened to you, Michael Collins?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.